La macchia cieca. Questioni confinarie di semantica storica tra Reinhardt Koselleck e Niklas Luhmann

Maurizio Merlo

Abstract


Nelle ampie ricognizioni critiche che l'impresa della Begriffsgeschichte ha innescato, è forse sinora rimasto sottoesposto il difficile rapporto che la storia concettuale – nella sua declinazione koselleckiana – intrattiene con la teoria sistemica. Muovendo dalla tensione tra esperienza e storicità in Koselleck, l'articolo si sofferma sulle tensioni che l'impianto storico-concettuale registra non appena venga a contatto con i problemi di semantica storica che accompagnano il tentativo luhmanniano di operare, nel registro dell'osservazione di secondo ordine, una dislocazione temporale e una de-paradossificazione della paradossia attivata dalla différance di Derrida in quanto costitutiva della storicità. La macchia cieca al fondo dello sguardo luhmanniano ritaglia i confini del continente 'storia' lungo le linee del naufragio della semantica classica della modernità.


Parole chiave


Storia concettuale; Koselleck; Derrida; Semantica; Différance.

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1825-9618/6619

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Maurizio Merlo

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.