La sovranità mutilata. Considerazioni su un’esperienza post-foucaultiana

Paolo Napoli

Abstract


Il saggio punta a descrivere una via alternativa dall'uscita foucaultiana dalla sovranità. Secondo Foucault la sola possibilità di raggiungere questo fine è “andare oltre” questo concetto, così come a concetti collegati come “legge” e “istituzione”. Da una parte questa visione soffre dell'erronea identificazione della legge con l'ordine del sovrano, trascurando completamente l'originaria dimensione privata della legge. D'altra parte Foucault non può quindi concepire che sia possibile delegittimare la sovranità con lo stesso strumento della legge, cioè con il processo. Il saggio tratta il caso della «sovranità mutilata» dello Stato italiano che è stata riconosciuta da una corte nel 2006. Il governo è stato risarcito per l'attività illegale in una regione. La sovranità è stata “stimata”. Ma stimare qualcosa di non quantificabile come la sovranità significa distruggere la sua forza simbolica.


Parole chiave


Organizzazione criminale; Istituzione; Legge; Misura; Persona; Sovranità; Processo; Valore

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1825-9618/5277

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2015 Paolo Napoli

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.