Principi supremi e societas hominum: il problema del potere nella riflessione di Alberico Gentili

Davide Suin

Abstract


Nel saggio l’autore si sofferma su alcuni aspetti problematici della riflessione politica di Alberico Gentili (1552-1608), giurista italiano noto per il contributo fornito nell’elaborazione del moderno diritto internazionale. La teoria giuridico-internazionalistica del Gentili, volta ad individuare norme di comportamento valide nella sfera delle relazioni tra soggetti sovrani, si fonda su una concezione della sovranità ispirata alla dottrina bodiniana e trae dalla tradizione del cosmopolitismo classico l’immagine ideale di una universale societas hominum; tali modelli, tuttavia, risultano difficilmente conciliabili. Come armonizzare le ragioni dello Stato con i naturali principi di giustizia connaturati alla ragione umana? Tale contraddizione emerge fortemente negli scritti di Gentili, autore che testimonia le criticità della relazione intercorrente tra etica e potere politico nell’età moderna.


Parole chiave


Potere; Cosmopolitismo; Assolutismo; Monarchia; Sovranità

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1825-9618/7106

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2017 Davide Suin

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.