La teoria schmittiana del grande spazio: una prospettiva post-statuale?

Antonino Scalone

Abstract


L’articolo analizza alcuni aspetti delle teorie schmittiane sul diritto internazionale, in particolare la nozione di Großraum, La tesi è che Schmitt, con questa nozione, tenti di pensare il politico e le relazioni internazionali in una prospettiva post-statuale. Da questo punto di vista esiste un’affinità essenziale fra il concetto di politico illustrato nell’omonimo saggio del 1927 e il concetto di Großraum. Dopo la seconda guerra mondiale, Schmitt lascia sullo sfondo il concetto di Großraum, troppo simile alle teorie nazionalsocialiste, e si concentra sul concetto di Nomos, illustrato in Der Nomos der Erde, apparso nel 1950, e sulla crisi dello Jus publicum europaeum. Tuttavia Schmitt non riesce a indicare con precisione quale ordine dovrebbe succedere allo Jus publicum europaeum e la stessa nozione di nomos rimane piuttosto indeterminata. Nell’ultima parte del saggio viene proposto un raffronto fra le posizioni schmittiane e talune posizioni giusinternazionaliste di Hans Kelsen, con particolare riferimento alla dottrina del bellum justum.

 


Parole chiave


Carl Schmitt; Hans Kelsen; Großraum; Nomos; Terra/Mare

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1825-9618/7104

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2017 Antonino Scalone

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.