L’utopia come politica dell’emancipazione: Miguel Abensour, Jacques Rancière e le eredità del socialismo utopico

Federico Tomasello

Abstract


A partire dal contributo di Miguel Abensour, il saggio indaga un’interpretazione dell’utopia volta ad affermarne la natura politica e a situarla nel campo del movimento dell’emancipazione emerso nel diciannovesimo secolo. Nella prima parte vengono isolati quattro aspetti fondamentali del concetto abensouriano di utopia, mentre nella seconda si procede a collocare tale contributo nel più vasto campo del dibattito critico nel marxismo francese e, per questa via, a esaminarne i nessi con la riflessione sull’utopia di Jacques Rancière. Le conclusioni allargano ulteriormente il campo dei riferimenti per presentare una definizione della nozione di utopia in esame e della temperie politico-intellettuale che intorno ad essa si è venuta addensando in Francia alla fine degli anni Novanta.

 


Parole chiave


Utopia; Abensour; Rancière; Marxismo; Teoria critica

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1825-9618/7102

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2017 Federico Tomasello

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.