L’"invenzione" della classe operaia come formazione discorsiva e la genesi del metodo empirico delle scienze sociali in Francia (1830-48)

Federico Tomasello

Abstract


Il saggio indaga taluni processi attraverso cui in Francia il "mondo del lavoro" è venuto costituendosi come soggettività collettiva ed è stato istituito in quanto oggetto di scienza e di politiche pubbliche. A partire dall’insurrezione dei tessitori lionesi del 1831, in cui la storiografia è solita indicare l’‘atto di nascita’ del movimento operaio europeo, la prima parte ricostruisce alcune coordinate di questo processo di soggettivazione politica evidenziando il rilievo della sua dimensione linguistica e discorsiva. Nella seconda parte si osserva poi l’attivazione di pratiche d’indagine della questione sociale in cui emerge il metodo empirico delle moderne scienze sociali e, parallelamente, la dimensione del lavoro operaio viene messa a fuoco e isolata come ambito di indagine scientifica, centro di imputazione di diritti e oggetto di pratiche amministrative.


Keyword


Movimento operaio; Scienze sociali; Diritto del lavoro; Classe operaia; Questione sociale.

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1825-9618/6613

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Federico Tomasello

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Internazionale.