La purezza perduta. Il sociale nei femminismi otto-novecenteschi

Paola Persano

Abstract


La Social Purity agisce per tutta una parte della vicenda femminista otto-novecentesca francese e anglosassone (Inghilterra e Stati Uniti) come veicolo di istanze molteplici: dal pieno riconoscimento della differenza sessuale nel repubblicanesimo sociale e ‘differenzialista’ di Hubertine Auclert in Francia, al moderato rifiuto di ogni purezza imposta dall’alto da parte di Josephine Butler in Inghilterra, fino al rovesciamento assoluto dell’idea di superiorità morale femminile ad opera del New Womanism americano, attraversato dalla spinta uguale e opposta ad uscire definitivamente dal ‘sociale’, individualizzando e de-femminilizzando l’atto di liberazione sessuale. Il tutto in un gioco ininterrotto di azioni e reazioni talvolta paradossali, che intrecciano insieme suffragismo e anti-suffragismo, contestazione della complementarietà coniugale e tentazioni mai sopite di controllo etero o auto-imposto.

 


Parole chiave


Suffragismo/anti-suffragismo; differenza sessuale; Joan Wallach Scott; Hubertine Auclert; Social Purity

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1825-9618/6203

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Paola Persano

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.