Max Weber. Tipi di monopolio

Autori

  • Michele Basso Università degli Studi di Padova

DOI:

https://doi.org/10.6092/issn.1825-9618/12061

Parole chiave:

Max Weber, Monopolio, Violenza, Stato, Politica

Abstract

Il contributo pone in questione la definizione dello Stato come istituzione (Anstalt) che detiene il monopolio dell’uso legittimo della forza/violenza (Gewalt), e si articola in tre parti. Nella prima, ci si confronta con alcuni essenziali riferimenti di bibliografia secondaria sull’espressione in oggetto. Nella seconda, si focalizza l’uso che Weber fa di “monopolio” all’interno delle sue opere, con l’intento di mostrare come l’espressione “monopolio dell’uso legittimo della violenza/forza” possa essere meglio compresa se concepita come un uso specifico di “monopolio” all’interno della ben più ampia casistica weberiana. Nella terza parte viene analizzata l’importanza del richiamo al monopolio della Gewaltsamkeit all’interno della cosiddetta Considerazioni intermedia, che è stato finora meno considerato. Si ritiene che fornire alcune indicazioni sul senso che l’espressione ha all’interno di questo testo possa essere d’aiuto per afferrare meglio alcuni aspetti del suo utilizzo all’interno del complesso dell’opera weberiana.

Downloads

Pubblicato

2020-12-28

Come citare

Basso, M. (2020). Max Weber. Tipi di monopolio. Scienza & Politica. Per Una Storia Delle Dottrine, 32(63), 21-39. https://doi.org/10.6092/issn.1825-9618/12061

Fascicolo

Sezione

Weber rinasce a cent’anni dalla morte (a cura di Furio Ferraresi)