Ateismo e profondità dell’essere. Un breve scambio epistolare tra Furio Jesi e Gershom Scholem

Enrico Lucca

Abstract


Commentando le lettere tra Furio Jesi e Gershom Sholem, Lucca indaga la tensione tra ateismo ed ebraismo che, secondo lo stesso Jesi, attraversa la sua ricerca. Gli studi sul mito e la mistica, la mediazione di Scholem, non servono a Jesi solo per venire a capo della propria biografia di «mezzo ebreo». Il Dio degli ebrei, il suo essere innominabile e nascosto, gli sembra ciò che potrebbe legittimare e motivare la sua ricerca sulle credenze religiose senza presupporre un dio.

Parole chiave


Misticismo; ateismo; Kabbalah, ebraismo

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1825-9618/3895

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2013 Enrico Lucca

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.